Il genitore autorevole

Bambini

Il genitore autorevole

il-genitore-autorevole-bergamo

Il ruolo di genitore si delinea come uno dei più difficili e complicati in assoluto. Magari esistesse un libretto di istruzioni a cui poter far riferimento ogni volta che si presenta una difficoltà con i propri figli!

Partendo dal presupposto che non esiste un manuale con delle regole miracolistiche, tuttavia può essere utile provare a riflettere su alcuni aspetti, in particolare su quale può essere lo stile genitoriale più adeguato per gestire la relazione con il proprio figlio.

Atteggiamento autorevole, autoritario o permissivo?

Quale dovrebbe essere l’atteggiamento di un papà e di una mamma per educare un bambino sano ed equilibrato? Quanto occorre essere severi? Quanto permissivi?

Diverse ricerche scientifiche suggeriscono che l’atteggiamento “autorevole” sia quello ottimale.

Innanzitutto facciamo un distinguo: l’atteggiamento “autorevole” è cosa ben diversa di quello “autoritario”.

Il genitore “autoritario” fa valere la propria volontà imponendola con la forza, comanda e pretende l’obbedienza assoluta senza dare spiegazioni, utilizzando le maniere forti, vale a dire alzando la voce (o peggio ancora le mani) o assegnando punizioni esemplari, regole eccessivamente severe e sottraendo il proprio amore come ritorsione nei confronti del bambino. 

Il genitore “autorevole” invece non ha bisogno della violenza per farsi ubbidire, rispetta il figlio e sa farsi rispettare, sa dargli fiducia e libertà, dà l’esempio, si comporta con fermezza e coerenza, è equilibrato e misurato, anche nelle punizioni, risultando così credibile agli occhi del bambino.

Anche un atteggiamento troppo “permissivo”, vale a dire eccessivamente tollerante e indulgente è dannoso per il bambino, che non sarà in grado di introiettare le prime regole e, una volta cresciuto, non saprà autolimitarsi e agire in modo rispettoso ed equilibrato.

Anche frasi del tipo “Fai come vuoi” rischiano di dare un messaggio di disinteresse affettivo. Altrettanto inefficace è l’atteggiamento del genitore “amico” del proprio figlio.

Sicuramente è fondamentale per la sicurezza del bambino sentirsi amato e rispettato, ma è altrettanto importante sentire di avere accanto una guida autorevole e salda.

Non tutto dipende dai genitori

I genitori non sono gli unici responsabili dello sviluppo “sano” del bambino, eppure spesso si sentono colpevoli (o vengono colpevolizzati) quando il figlio manifesta un problema emotivo o comportamentale.

In realtà occorre considerare anche le caratteristiche temperamentali del bambino, che non è un destinatario passivo dei segnali educativi dei genitori, così come il genitore non è un semplice distributore di insegnamenti e cure: la condotta del bambino influenza la relazione con l’adulto tanto quanto l’atteggiamento genitoriale stesso.  

Per esempio, i bambini più “difficili” da gestire, magari perché caratterizzati da maggior irritabilità, scontrosità, permalosità, tendono a suscitare risposte più severe, ostili e rabbiose da parte dei genitori. Bambino e genitore, dunque, risultano strettamente e reciprocamente interconnessi: entrambi saranno in grado di provocare nell’altro sentimenti e comportamenti specifici.

Non va trascurato, inoltre, il contesto in cui la famiglia è inserita: situazioni di disagio economico, isolamento sociale, malattie, etc., contribuiscono a rendere più fragile l’interazione tra genitori-figli.

Bibliogafia
  • Chang, L., Schwartz, D., Dodge, K. A., & McBride-Chang, C. (2003). Harsh parenting in relation to child emotion regulation and aggression. Journal of Family Psychology,17,598–606.
  • Feindler, E. L., Rathus, J. H., & Silver, L. B. (2003). Behavioral observation and analogue methods. In E. L. Feindler & J. H. Rathus (Eds.),Assessment of family violence: A hand-book for researchers and practitioners (pp. 229-246).Washington, DC: American Psychological Association.
  • Hartman, R. R., Stage, S. A., & Webster-Stratton, C. (2003). A growth curve analysis of parent training outcomes: Examining the influence of child risk factors (inattention, impulsivity, and hyperactivity problems), parental and family risk factors. Journal of Child Psychology & Psychiatry,44, 388–398.
  • Kim, I. J., Ge, X., Brody, G. H., Conger, R. D., Gibbons, F.X., & Simons, R. L. (2003). Parenting behaviors and the occurrence and co-occurrence of depressive symptoms and conduct problems among African American children. Journal of Family Psychology,17, 571–583.
  • Webster-Stratton, C., Reid, J. M., & Hammond, M. (2004). Treating children with early-onset conduct problems: Intervention outcomes for parent, child, and teacher training. Journal of Clinical Child and Adolescent Psychology ,33, 105-124.

D.ssa Maria Rita Milesi - Psicologa e Psicoterapeuta Bergamo
  • STUDIO PRIVATO:
    Via Guido Sylva 3 - 24128 Bergamo
  • Iscritta all'Albo degli Psicologi della Lombardia con il N° 03/8117 dal 2004
AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico. ©2016 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Dottoressa Maria Rita Milesi.
© 2016. E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.