10 settembre: Giornata mondiale della prevenzione del suicidio

Disagio emotivo

10 settembre: Giornata mondiale della prevenzione del suicidio

giornata-mondiale-prevenzione-suicidio-2020

L’Organizzazione Mondiale della Sanità riporta che nel mondo ogni 40 secondi una persona si toglie la vita. Ogni suicidio rappresenta una tragedia enorme per i familiari, un vero e proprio trauma che comporta lutti non elaborati per anni, caratterizzati da senso di colpa, rabbia, ansia.

La morte può essere vista come una salvezza, una via di fuga rispetto al disonore, alla rovina economica, alla perdita del lavoro e altri problemi che la persona non si sente in grado di affrontare. La pandemia di Covid-19 sembra aver fatto aumentare il numero di suicidi, per la paura della malattia, l’isolamento sociale, le conseguenze economiche.

Spesso il suicidio riguarda pazienti malati di depressione. Colpiscono i casi di cronaca, in particolare quelli di omicidi-suicidi, che spazzano via intere famiglie. La reazione è quella di shock e stupore: sembrava una persona normale, gli avevo parlato proprio ieri.

Successivamente, invece, si riescono a ricostruire situazioni problematiche, visi scuri e tristi, silenzi, una presa di posizione negativa nei confronti della vita, sensi di colpa, di fallimento, accompagnati magari da frasi del tipo “Meglio morire che vivere in questo modo”, “Se mi capitasse una malattia sarei contento, almeno i miei problemi finirebbero”.

Per la persona alle prese con idee di morte potrebbe essere importante poter esprimere il proprio malessere, senza sentirsi giudicata, colpevolizzata o sentire sminuiti i propri problemi e il proprio stato d’animo.

E’ di fondamentale importanza sostenere le persone che manifestano tale disagio, incoraggiandole a chiedere aiuto ai professionisti della salute mentale per prevenire gesti estremi e irreparabili.

D.ssa Maria Rita Milesi - Psicologa e Psicoterapeuta Bergamo
  • STUDIO PRIVATO:
    Via Guido Sylva 3 - 24128 Bergamo
  • Iscritta all'Albo degli Psicologi della Lombardia con il N° 03/8117 dal 2004
AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico. ©2016 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Dottoressa Maria Rita Milesi.
© 2016. E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.